mrnobody280

 

Name Play Duration
Mr. Nobody
Midnight Breakfast

1:00 min
Roof Is Falling Down On My Head
Midnight Breakfast

1:00 min
Easy
Midnight Breakfast

1:00 min
Kind Hearted Woman Blues
Robert Johnson

1:00 min
I Hate You
Midnight Breakfast

1:00 min
Commit a Crime
Willie Dixon

1:00 min
All Around Me
Midnight Breakfast

1:00 min
Shadows
Midnight Breakfast

1:00 min
Backdoor Man
Chester Burnett

1:00 min
I'm Got Nothing
Midnight Breakfast

1:00 min
Baby Lee
John Lee Hoocker

1:00 min
Looking For Money
Midnight Breakfast

1:00 min

 

 

da "Buscadero" - Gennaio 2000

Più invischiato coi diavoli della notte ovvero Howlin' Wolf, John Campbell, i Red Devils, R.L. Burnside o i  Groundhogs del disco con il lupo, è il blues della Midnight Breafast Blues Band, un quartetto di due chitarre, basso e batteria che fa colazione a mezzanotte e poi spara un boogie duro, urbano, moderno. Sono bergamaschi, discendono da Mamma Fender e Papà Gibson e hanno iniziato nel 1985 col fare le cover dei classici. Hanno suonato con tutti i maggiori bluesmen italiani e anche con Bert Jansch, Elliot Murphy e Albert King.

 Mr. Nobody è il loro secondo Cd perchè nel 1993 c'era stato Somebody Is Knocking Upon My Door. Caratteristiche della band sono un suono serrato e chitarristico con una ritmica boogie molto metropolitana ed una voce, quella di Marco Valietti, scura e luciferina, in grado di evocare i pericoli e le tentazioni della notte. Trasmette un blues randagio e al neon che la title track Mr. Nobody focalizza alla perfezione. Il suono è duro, rockato e sincopato, un impatto forte, molto "fisico" che si ripete ossessivamente e forse un pò staticamente nelle dodici composizioni dell'album, tutte originali se si eccettuano la cover Commit A Crime di Howlin' Wolf che in pratica è una Spoonful con parole diverse, Backdoor Man di Willie Dixon e Kind Hearted Woman di Robert Johnson, vociferata lenta e personalizzata da un'ottima chitarra.
Il blues della Midnight Breakfast Band, non ha nulla a che vedere con la bella calligrafia neppure quando swinga in Shadows o accede al funky in All Around Me con un vocione alla Taj Mahal, ma sono brani come I Have You, con un ritmo che inciampa ed un cantato a cane randagio e Baby Lee, dove sembra di sentire John Campbell di One Bliever, a fornire la fotografia della band.
Mauro Zambellini - "Buscadero"


da "Blues Access N°52"

 

Blues Access recensione

 

Italian Blues from a veteran European touring band.The liner notes say it well:"The blues is a language not our own, but which we have studied with great rispect.Maybe our rendition is no longer blues...but we are proud of it because it comes from the heart."Marco Valietti"s raspy vocals and stinging guitar are enought to convince me that it is the blues and that it's time to seriously consider European blues artists.

 


Soul Bag

da "Soul Bag" N°158

Le CD "Mr Nobody" est axè autor des guitares de Marco Valietti et Stefano Albertini et de la voix rocailleuse du premier.La rytmique est simple, basse bien presenteet batterie qui sait varier les temps.Chicago blues rock moderne, fortement inspirè de John Lee Hoocker et de Magic Sam pour les guitares, de Howlin' Wolf pour le chant.L'ensemble dèmontre una indeniable culture blues, plus axèe sur le respect moderniste que le copie scolaire.Encore un groupe idèal pour les concerts.

Cristophe Mourot