MB   Close to the Wall

 

Name Play Duration
THERE IS A BIRD
Midnight Breakfast

0:50 min
TRYING TO SATISFYING MYSELF
Midnight Breakfast

0:50 min
SAILOR MAN
Midnight Breakfast

0:50 min
YOU TALKING ABOUT YOUR FEET
Midnight Breakfast

0:50 min
ONE OF THESE MORNINGS
Midnight Breakfast

0:50 min
I MISS THE MAN
Midnight Breakfast

0:50 min
YOU HURT ME SO BAD
Midnight Breakfast

0:50 min
CLOSE TO THE WALL
Midnight Breakfast

0:50 min
TAKE ME
Midnight Breakfast

0:50 min
LET ME SMOKE MY LAST CIGARETTE
Midnight Breakfast

0:50 min

 

 

 


Bluesblast Magazine - dicembre 2015

Midnight Breakfast’s Close to the Wall is one of the best modern blues albums of 2015, and it would definitely be worth your while to give it a listen. All ten songs are awesome by themselves, but as a whole this set is amazing and this record is the best work the band has done to date.

 

There are times that it is not possible to put a label on a band or their music, and Midnight Breakfast from Bergamo, Italy is a perfect example of this. Over the past 30 years this blues band has developed their own tone and sound, one that bridges the roots of the genre with modern songwriting. Their latest album, Close to the Wall, is a heady piece of work that fans of any type of blues music should enjoy.

Midnight Breakfast is fronted by Marco Valietti on vocals and guitar, and for this latest project he was joined in London’s Master Chord Studio by Stefano Albertini on guitar, Luigi Cortinovis on bass, and Fabio Carenini on the skins. There are no keyboards or horns to be found on this release! Breaking with the homegrown tradition of their earlier albums, the band brought in a producer, Paolo Legramandi, to help them record all ten of their original songs over just four days. As a bonus, somehow they arranged to have the mastering completed at the venerable Abbey Road Studios. If only those walls could talk…

All of that work paid off, as Close to the Wall is a slick piece of work that has the feel of a live performance. The set kicks off with “There is a Bird” which has a Creedence Clearwater Revival swamp rock vibe, but the similarity stops once Valietti starts to sing. The words “raspy” and “throaty” are overused in album reviews, but Marco redefines these tired words with his beautifully croaking baritone. This effect plays well with the sound of the rest of the band, which uses a sparse arrangement to provide additional drama for the vocals. “You’re Talking About Your Feet” brings back the swamp rock sound (“Suzie Q”, this time), with some very tasty call and response between Marco and the lead guitar. As with the other tracks on the album, he adds a lot of extra sounds to his vocals that are not exactly words, and the overall effect is stunning.

From there they drop into a more conventional Chicago style blues on “Trying to Satisfy Myself,” with crystal clear guitar leads and a walking feel to the backline. A jangly guitar solo is the icing on the cake for this song. “Close to the Wall” is also a fine piece of fairly normal guitar-centered blues, this time with some crazy falsetto vocal work from Valietti.

The band mixes things up throughout Close to the Wall, and “One of These Mornings” is a neat song that could have been programmed on a mid-1970s progressive AOR radio station. This song has high quality guitar leads that could have come from Robin Trower, and the ostinato of bass and rhythm guitar moves things along at a markedly retrained pace. Marco shows even more vocal diversity and delivers the words in a breathless whisper.

With “I Missed the Man” and “Take Me,” Midnight Breakfast flirts a little with country blues-rock, and they do a respectable job. In fact, these tunes raise the question of whether this band could actually pull off a credible version ZZ Top’s “La Grange!

The disc closes out with “Let Me Smoke My Last Cigarette” (how appropriate!), a slow burning blues track with subtle guitar interplay between Valietti and Albertini. A plodding and dramatic song like this would have been perfect with a little Hammond thrown into the mix, but these guys made it work anyway, and this was a perfect way to finish things up.

Midnight Breakfast’s Close to the Wall is one of the best modern blues albums of 2015, and it would definitely be worth your while to give it a listen. All ten songs are awesome by themselves, but as a whole this set is amazing and this record is the best work the band has done to date. There are no planned gig dates in the United States on their website, but hopefully they will make their way over here soon!

 

                                                                                                   Rex Bartholomew



 

Soul Bag - n° 220 dicembre 2015 - La musique de MB est excellente mais le chant est hors du coup. La guitare solo cumule joli, efficacite' et blues, les rhytmes sont hybrides, les compositions de qualitè, mais le chant est soit forcè en voice de gorge rocailleuse, soit en voix de tete.

 

 


 

Il Blues Magazine - giugno 2015

Non ha importanza in quale giorno, di fatto, quest’anno, le lancette del loro orologio una volta toccata la mezzanotte, hanno fatto scattare i festeggiamenti per i trent’anni di vita della MBBB! Era il 1985 quando su un già malmesso furgone dalle sembianze molto “blues down home” hanno “caricato” strumenti, passione e idee e dalla bergamasca sono “partiti” in direzione di un blues urbano diretto, senza fronzoli, fisico e diventato nel tempo molto personale.....

Marco Valietti voce e chitarra (all’attivo ha anche un disco solista) e Stefano Albertini chitarra, si sono conosciuti sui banchi delle scuole superiori, dove è nata un’amicizia che andava al di là dei compiti insieme e delle ragazze, perché avevano scoperto di avere in comune una passione per il blues. Coinvolti un bassista e un batterista, nel tempo qualche mutamento, oggi sono rispettivamente, Luigi Cortinovis e Fabio Carenini, hanno iniziato a macinare chilometri per concerti, suonando con bluesman (e non solo) americani e con anche altri onorevoli esponenti italiani del blues. Ed eccoli qui dopo trent’anni, sempre fedeli a quella loro linea che non concede piaggerie decorative, dove viene da pensare ad un luogo comune, cioè “maturati”. Sicuramente lo sono come persone, ma non….musicalmente, perché il processo di maturazione è già avvenuto da tempo. Le dieci tracce, tutte originali, di questo loro quarto disco le hanno registrate a Londra……magari quando il Big Ben scoccava la mezzanotte con la città avvolta dalla nebbia, uno scenario misterioso già preso in prestito da cinema e letteratura e che ben si addice al blues cupo, sinistro, ossessivo, ridotto all’osso, dei “quattro lupi mannari bergamaschi”. Tutta roba che oggi è sempre più difficile trovare in giro. Valgano come esempi, “Trying To Satisfy Myself” un tempo medio dal quale si viene trascinati, “Sailor Man” eccellente inquietante lento, “You’re Talking About Your Feet” un serrato ritmo coinvolgente. Fin qui Marco Vailetti ha mantenuto quelle sue tipiche tonalità arse e diavolesche che ci riconducono a Howlin Wolf, John Campbell, Tom Waits, ma in “One Of These Mornings”, le ha “ripulite”, non togliendo però espressività, per un canto quasi sofferto e minimalista perfettamente adeguato per un encomiabile slow dove è stato tolto tutto oltre il consentito. Stessa situazione che troviamo, ma con una voce tornata profonda, nei successivi altri due slow “You Hurt Me So Bad” e “Let Me Smoke My Last Cigarette”, senza dimenticare il passo strascicato di “Close To The Wall”. E’ molto più di un gran bel disco!  

                                                                                                   Silvano Brambilla


 

LA HORA DEL BLUES - novembre 2015


Formados en 1985, The Midnight Breakfast son actualmente una de las bandas más reconocidas en el ámbito del blues de la región de Bérgamo en Italia. Con solo cuatro discos en el mercado el grupo recibió en 2002 mención por parte de la prestigiosa revista Living Blues, que destacó especialmente la profunda y genuina voz y los convincentes solos de guitarra de Marco Valietti, la estrella de la banda. Este álbum presenta un puñado de nuevas canciones todas ellas encuadradas en un sonido de espectro hipnótico y rugoso, canciones lentas y baladas, que el grupo ha llevado al estudio casi sin rodaje, es decir, sin haberlas tocado en directo o realizado ensayo alguno y de este modo, poder conseguir una total libertad interpretativa, para que sea el propio oyente el que escoja si los toma o los deja. Naturalmente es una decisión arriesgada que sólo depende de aquel que está escuchando la música y puede decidir libremente su opción. Para esta arriesgada apuesta el cuarteto se ha rodeado de un buen equipo de producción y, aunque en el disco aparezcan algunas indecisiones debido a dicha improvisación, siempre será un reto para el aficionado escuchar este álbum. Vosotros tenéis la última palabra. BUENO.

Formed in 1985, The Midnight Breakfast is now one of the most recognized bands in blues circles of Bergamo area in Italy. With only four albums on the market, in 2002 the band received a mention by the prestigious Living Blues Magazine, which especially emphasized the deep and genuine voice and the convincing guitar solos of the band leader Marco Valietti,. The album displays a handful of new songs, all of them framed into a hypnotic rough sound, with slow songs and ballads the group has brought to the studio almost without a test run, that is to say, without having played them live or doing any rehearsal. In this way their aim is to get a total freedom in their performing, so it is up to every listener to choose if he goes in or leaves out. Of course this is a risky decision that depends on everyone who listens to their music and can freely decide his option. To record this original and risky option, the quartet has counted with a good production team and, although you can see some indecisions or small mistakes due to their free improvisations, it becomes an interesting challenge to listen to this album. It is up to you. GOOD.


Blow Up - settembre 2015 Il blues non muore mai,neppure nella pianura padana.Lo conferma la nuova uscita della storica formazione tricolore.Si dice blues per semplificare, perchè all'ascolto traspaiono insieme e a lato altri generi e stili di quell'America genuinamente replicata anche standosene in Lombardia.La voce di Marco Vaglietti è sempre più abrasiva e waitsiana, ma ben si confà al clima teso, al limite della psichedelia istaurato dalle chitarre dello stesso Valietti e di Stefano Albertini.Produce a chiudere il cerchio, Paolo Legramandi.(7).Piercarlo Poggio

 


Glitterhouse  - giugno 2015 - Manch­mal stol­pert man eher zu­fäl­lig über Musik, die man an­schlie­ßend nicht mehr mis­sen möch­te. So ge­sche­hen bei die­sem brand­neu­en Album der ita­lie­ni­schen Blue­ser von Mid­ni­ght Bre­ak­fast. Auf­ge­nom­men in Lon­don und in den Abbey Road Stu­di­os von Sean Magee (der für das Re­mas­tern des Beat­les Ka­ta­lo­ges mit einem Gram­my aus­ge­zeich­net wurde) ge­mas­te­red, ist das erst­mal schon rein klang­lich eine Wucht. Aber das al­lei­ne reicht na­tür­lich nicht, es ist der grund­sätz­li­che Sound der Band, der einen um­haut. Die vier (2 x E-Gi­tar­re, Bass und Drums) aus Ber­ga­mo, al­le­samt in ihren Fünf­zi­gern und schon seit exakt 30 Jah­ren in die­ser For­ma­ti­on zu­sam­men, ver­le­gen schlicht das Mis­sis­sip­pi Delta in die La­gu­nen des Po-Del­tas, schau­feln sich einen Mör­der­groo­ve a la Boo­ker T ("There Is A Bird"), der von einer John Fo­ger­ty-Lead­gi­tar­re genau mit der rich­ti­gen De­zenz do­mi­niert wird, las­sen Chi­ca­go in Mai­land er­ste­hen ("Try­ing To Sa­tis­fy Mys­elf") oder ge­win­nen den Cap­tain Beefhe­art Ge­dächt­nis­preis für ihren sto­isch-quer­köp­fi­gen Shuf­fle "I Mis­sed The Man". Über-haupt Beefhe­art: Sän­ger Marco Va­li­et­ti klingt mit sei­nem tie­fen rau­hen Organ der­ma­ßen nach Don van Vliet meets Tom Waits -und das in herr­lich re­lax­ter Selbst­ver­ständ­lich­keit- dass einem Freu­de­trä­nen in die Augen stei­gen. Alle zehn Songs sind Ori­gi­na­le, nir­gends klin­gen sie nach Se­cond Hand Ma­te­ri­al, this is -so­zu­sa­gen- the real thing, und macht mäch­tig Spaß. Gibt's au­ßer­halb Ita­li­ens nur bei uns! (lrm)

 

 


Distorsioni - maggio 2015

Il loro approccio ad un genere che spesso degenera in fracasso metallaro o in ovvietà imitative  è di quelli che sanno catturare l'attenzione. 10 brani tutti parto della Band, con inevitabile protagonista la voce del chitarrista Marco Valietti, voce cupa e grezza con richiami beefartiani e a loners del rock blues come TJ White e Jimmy Campbell. Sin dalla prima song There is a Bird, ci si immerge in una selvaggia atmosfera paludosa e southern atipica per il blues italiano in genere.

I brani sono  tutti di ottimo livello, con la ballad sofferta One of these Mornings e la ritmata I missed the Man a tirare le fila, con la pulitissima lead guitar a contrappuntare la voce e l'altra chitarra di Stefano Albertini, impegnata in un efficace lavoro ritmico e solista a supporto della precisa sezione ritmica, suonata da Luigi Cortinovis e Fabio Carenini. La finale Let me smoke my last Cigarette mette in risalto una capacità di comporre brillanti blues ballad, piuttosto rara dalle nostre parti. Il cd e' stato registrato ai Master Chords Studios a Londra senza overdubs e trucchi digitali, e mixato ai mitici Abbey Road Studios. I nostri non sono al primo lavoro ma questo ha tutte le caratteristiche della necessaria professionalità, una band esperta e navigata con centinaia di live gigs alle spalle, assolutamente brillante. Un ottimo lavoro, altamente consigliato.

Guido Sfondrini
 

IRD logo
 
 
Una delle più leggendarie, rispettate e originali band emerse dalla scena blues europea negli ultimi vent’anni, rimasta sempre indipendente e fedele alle proprie origini orobiche. Con la pubblicazione del nuovo album “Close To The Wall” i Midnight Breakfast allungano ulteriormente il passo e alzano ancora l’asticella di una sfida lunga una carriera. Registrato in presa diretta in un’unica session di quattro giorni al Master Chord Studio di Londra sotto la produzione esperta di Paolo Legramandi (e poi masterizzato presso i gloriosi Abbey Road Studios), “Close To The Wall” raccoglie dieci brani originali che, anche dal punto di vista compositivo, si spingono sovente ben al di là dei ristretti canoni di genere. Della tradizione classica del Chicago blues rimane forse il linguaggio, l’attitudine e una certa estetica sonora, ma è nell’equilibrio solo apparentemente minimalista tra groove e psichedelia, nel trasporto e nell’interplay tra i musicisti che risiede il segreto e la magia di questa band.
 

 

 cd  

Midnight Breakfast
Close to the Wall
[Midnight Breakfast 2015]

www.midnightbreakfastbluesband.com

File Under: electric voodoo blues

di Pie Cantoni (02/04/2015)

 cuffie

Ormai il Blues è internazionale e lo si suona dalle calde terre della Hill County fino alla Val Brembana, senza soluzione di continuità e con risultati qualitativamente validi ovunque, tant'è vero che uno dei migliori bluesman attuali - a mio modesto parere - è un certo Ian Siegal, che di americano ha proprio poco ed è abituato più alla corrente del Golfo che al torrido sole che fa crescere forti e robuste le piantine di cotone nelle vaste pianure mississippiane. Quindi non stupiamoci se i Midnight Breakfast, più abituati alla polenta taragna che al pesce gatto fritto, sono bergamaschi, suonano blues dal 1985, hanno registrato quest'ultimo disco (solamente il sesto), Close to the Wall, a Londra e l'hanno mixato nei leggendari Abbey Road studios.

La band, da trant'anni in attività, è composta da Marco Valietti (voce, chitarra), Stefano Albertini (chitarra), Luigi Cortinovis (basso), Fabio Carenini (batteria). Le influenze musicali risiedono tutte nel blues elettrico degli anni '50, da John Lee Hooker (80% JLH direi) a Howlin' Wolf, e se volessimo accostarli a qualcuno di più recente potremmo fare paragoni con il trance-Blues di Otis Taylor. Che la band non sia particolarmente prolifica lo si capisce già dal fatto che hanno registrato solo sei dischi in trent'anni di carriera e il nuovo lavoro conta dieci episodi che hanno un pregio, l'unitarietà stilistica e un difetto, l'unitarietà stilistica, appunto. I brani si succedono praticamente con lo stesso incedere uno dopo l'altro, come se si trattasse di un'unica jam indistinta, in parte ricordando, nella voce e nelle cadenze, il citato Otis Taylor, ma senza avere quel ritornello o quella melodia maledettamente azzeccata che ti fa drizzare le orecchie e battere il piede a tempo. There is a Bird, con ritmo suadente, apre il disco, ed è come velluto, morbido alle orecchie, ma che si consuma (e con esso anche il suo appeal) molto presto. I Missed the Man è il pezzo più movimentato del disco, un boogie uptempo ben fatto insieme alla title track Close to the Wall, che parte bene ma il cui cantato, che cerca di farsi sottile e ricco di pathos a differenza dei toni freddi da crooner degli altri brani, smorza il pezzo, mentre One of These Mornings e You Hurt Me So Bad sono canzoni che soffrono non poco della struttura risaputa del "call and response" tra voce e chitarra e per l'interpretazione indistinta di Valietti (solamente con il testo davanti si potrebbe capire cosa sta dicendo...). Chiude Let Me Smoke My Last Cigarette, l'ennesimo lento che non dà la scossa ma continua con lo stesso mood fino alla fine.

Il disco è ovviamente curato nei suoni, rigorosamente vintage, e la voce di Valietti è a tratti gorgogliante alla Chester Burnett, a volte gracchiante alla John Lee Hooker, ma in alcune circostanze sembra solo un borbottio e inoltre la struttura voce/chitarra che si rincorre in tutte le canzoni è pesante da digerire sulla lunga distanza. L'album mi ha ricordato molto spesso le atmosfere lente e dilatate di un altro disco, "Endless Boogie", e come spesso mi è accaduto ascoltando soprattutto la title track di quel disco, mi domandavo perché il produttore non avesse o raddoppiato la velocità o dimezzato la durata del pezzo, perché ne avrebbe forse guadagnato in ascoltabilità. Ma quello era comunque John Lee Hooker, libero di fare ciò che voleva (anche perché immagino che se qualcuno gli avesse solo proposto di accorciare un suo pezzo, l'avrebbe mandato a stendere senza complimenti). Non che questa sorta di blues ipnotico sia disprezzabile, tuttavia anche il grande JLH (o il suo "discendente" Otis Taylor) sapeva variare tra le mille sfaccettature del suo incredibile repertorio, senza mai ripetersi o autocitarsi troppo.


 Per la prima volta siamo entrati in studio di registrazione con i pezzi nuovi, senza un percorso di “rodaggio”, dopo la verifica sul campo delle esibizioni live e senza che i brani potessero essere affinati o rielaborati per raggiungere una certa “quadratura” e di conseguenza permettere a noi tutti di avere sotto controllo ogni particolare.Questo perché una certa libertà interpretativa legata al momento specifico non venisse persa e sfidare così la sorte…prendere o lasciare. Una bella sfida , ma eravamo sicuri che l’esperienza maturata in questi 30 anni di concerti ci avrebbe sicuramente aiutati. Il rischio era molto alto e per questo motivo, per la prima volta ci siamo affidati ad una figura professionale , un produttore che ci sapesse accompagnare in questo trip , che traducesse per il fonico di studio le sensazioni e il sound che la band sanno trasmettere nelle situazioni live.

Un percorso impervio, fisicamente e soprattutto mentalmente , per mantenere alta la concentrazione soprattutto negli slow, nelle ballad, ma perché potesse trasparire il pathos della voce di Marco e sopra ogni cosa i silenzi e le pause , per accompagnare l’ascoltatore dentro il brano , insieme a noi che lo suoniamo per fare un viaggio insieme. Abbiamo deciso e accettato di viaggiare sempre sul filo del baratro, con la paura di cadere , ma sapendo che l’adrenalina sarebbe salita a mille…concentrati , ma sereni…attenti, ma sciolti.

Ci sono stati errori, qualche indecisione, note non perfettamente intonate, ma lo avevamo messo in conto…d’altro canto, ognuno di noi non ha mai voluto essere a servizio dello strumento fine a se stesso, senza dover “barattare” la nota giusta a tutti i costi , rischiando di perdere phatos e soul.

La convinzione di aver raggiunto una maturità sia personale che musicale ci ha dato la voglia di metterci in gioco per l’ennesima volta, traducendo emozioni e sensazioni in una lingua , il blues per l’appunto, che crediamo aver fatto nostro. Ad un certo punto bisogna avere il coraggio di esporsi, perché se si dice di credere in qualche cosa, bisogna anche saperlo dimostrare con i fatti.

Ogni concerto diventa così un rito , come nelle cerimonie delle culture primitive, all’alba del genere umano, in una catarsi in cui ci si deve perdere per ritrovarsi purificati, liberi, vivi.